Fatturazione elettronica

Attività chiusa per ferie: occorre comunicarlo al Fisco?

Siamo nel periodo estivo e molte attività, prima o dopo, prenderano una pausa di cihusura per le ferie.

A tal proposito, è lecito domandarsi se in questi casi ci sia qualche adempimento da comunicare al Fisco, vediamo la risposta.

Attività chiusa per ferie: occorre comunicarlo al Fisco?

Per tutelarsi da eventuali anomalie, nel periodo di ferei della propria attività commerciale, è bene mettere il Registratore Telematico fuori servizio.

Non si tratta di un adempimneto obbligatorio ma di una tutela contro eventuali anomalie.

Mettendo il registratore telematico fuori servizio le Entrate sapranno a cosa è dovuta lla mancanza del flusso dati.

Tale esigenza nasce per, solo quando lo stop supera 12 giorni.

Nelle specifiche tecniche "specifiche tecniche per la memorizzazione elettronica e la trasmissione telematica dei dati dei corrispettivi giornaieri" ultima versione 11.1 allegata a provvedimento del 18 gennaio 2023 delle Entrate, nella sezione 2.7 generazione trasmissione dati si legge: Nel caso in cui l’interruzione dell’attività sia superiore ai 12 giorni (ad esempio ferie lunghe, chiusura stagionale, inutilizzo temporaneo, etc.) o se l’esercente non fosse in grado di conoscere la durata del periodo di inattività e di comunicarla a priori, il Registratore Telematico deve prevedere la possibilità di predisporre l’invio di un evento di tipo “fuori servizio”, codice 608 (magazzino/periodo di inattività), per comunicare al sistema l’inizio del periodo di inattività. In questo caso il RT tornerà “In servizio” alla prima trasmissione utile.

Allegati:

Nessun articolo correlato